Papilionea

About

Papilionea è il primo studio entomologico dedicato interamente al mondo delle farfalle e delle falene, il mondo dei Lepidotteri. L’attività ha sede a Genova, città importantissima per l’entomologia nazionale e internazionale, in quanto vi si trovano il Museo di Storia Naturale “Giacomo Doria” e la sede della Società Entomologica Italiana. Con questa attività mi pongo l’obbiettivo di dare un valido contributo alla conoscenza sulle specie di Lepidotteri d’Italia, con particolare attenzione agli aspetti relativi alla distribuzione e alla biologia. Va ricordato che questi insetti sono da considerarsi come ottimi bioindicatori, sentinelle ignare di un ambiente che noi esseri umani abbiamo il dovere di comprendere e proteggere. I Lepidotteri sono uno straordinario esempio di biodiversità, rappresentativa di quanto c’è di più bello e prezioso sul nostro piccolo e fragile pianeta, disperso in un oceano di vuoto siderale. Spero con tutto il cuore che grazie a Papilionea possiate conoscere ed apprezzare al meglio queste incredibili creature! Il mondo delle farfalle e delle falene, così straordinario e diversificato, è qualcosa che vale davvero la pena di conoscere.

Biografia

Sono nato a Genova il 5 agosto 1991. L’origine del mio interesse per il mondo dei Lepidotteri risale fin dalla più tenera età quando, all’età di 4-5 anni, ho iniziato a girare per prati ed orti armato di retino artigianale e un’infinita curiosità. Questo interesse fanciullesco ha trovato terreno fertile per la sua crescita in due luoghi a me molto cari: Casanova di Rovegno (paesino ligure situato in Alta Val Trebbia) e Lelchytsy (Лельчицы), in Bielorussia. Nonostante il passare del tempo, con le mille vicissitudini della vita annesse e connesse, non ho mai smesso di coltivare quel sentimento di curiosità e di entusiasmo che mi accompagna tutt’ora nello studio e nell’osservazione di questi straordinari insetti.

La mia vocazione per le scienze naturali mi ha portato a diplomarmi come operatore agro-ambientale nel 2009 presso l’Istituto Agrario Marsano di Sant’Ilario, quindi ho lavorato per un certo periodo come giardiniere a Nervi. Come autodidatta, nel 2014, ho iniziato ad occuparmi dello studio dei Lepidotteri di Liguria ed in particolare di Ropaloceri. Successivamente ho ampliato il mio interesse alla fauna di Lepidotteri in senso lato e a livello nazionale. Le mie attività di studio e ricerca comprendono principalmente la raccolta di dati, foto ed esemplari a scopo scientifico. Attualmente mi occupo di divulgazione scientifica sul mondo delle farfalle e delle falene. Da giugno 2014 collaboro come operatore volontario al riordino, catalogazione e sistemazione delle collezioni di Lepidotteri conservati presso il Museo di Storia Naturale “G. Doria” di Genova.

Nel marzo del 2017 mi sono iscritto alla Società Entomologica Italiana, nella quale ricopro la carica di Consigliere addetto alla revisione dei conti.

Alture di Kobe, Giappone, luglio 2019.

Collaboratori

Enrico Carta

Università di Padova

Nato a Genova il 6 aprile 1994, si è laureato in Scienze dei Sistemi Naturali nel marzo 2019 nel capoluogo ligure. Nel corso degli anni di studio ha avuto modo di dedicarsi in particolare all’ornitologia e all’avifauna ligure, soggetti di cui tutt’ora si occupo. Da sempre è appassionato di entomologia, e negli ultimi anni ha avuto modo di approfondire le sue conoscenze sui Lepidotteri. Il suo approccio scientifico con questi insetti è iniziato grazie alla collaborazione con l’Istituto Internazionale degli Studi Liguri per lo studio e la contestualizzazione storica di una collezione entomologica custodita presso il Museo Bicknell di Bordighera, grazie alla quale ha avuto modo di osservare le varie specie in un contesto museale, così come di determinarle secondo la nomenclatura più aggiornata, laddove possibile. Il 22 giugno nell’ambito dell’iniziativa Bicknell’s Bad Boys ha tenuto una presentazione relativa a Clarence Bicknell e agli aspetti relativi alle farfalle della sua collezione. Attualmente collabora con il progetto di ricerca Delfini del Ponente, che si occupa principalmente dello studio del tursiope nelle province di Imperia e Savona.

Enrico in posa sul greto del torrente Nervia a Camporosso (IM), Liguria, nel giugno 2020.

Divulgazione scientifica

Il presente sito di Papilionea, così come i media ad esso associati, rappresentano uno spazio web in cui fornisco al grande pubblico un punto di riferimento per l’accesso libero e gratuito ai contenuti relativi alle specie presenti in Italia, con testi, fotografie e informazioni di varia natura. Ciò è reso possibile con notevole impegno, grazie anche ad uno sforzo collaborativo tra più persone che condividono un comune interesse nello studio e nell’osservazione di questi straordinari insetti. Papilionea collabora con il Museo Civico di Storia Naturale di Genova per il monitoraggio delle collezioni lepidotterologiche e con la Società Entomologica Italiana (SEI) per vari progetti di carattere scientifico.

Nel limite delle mie attuali conoscenze cerco di garantire un alto standard di qualità dei contenuti affinché questi possano essere apprezzati sia dall’appassionato entusiasta che dall’entomologo esperto. Qui è presente una considerevole mole di dati, presentati sotto forma di foto e di citazioni di carattere bibliografico. Persone di ogni età e livello di conoscenza partecipano all’arricchimento dei dati scattando fotografie di lepidotteri, fornendo di fatto un validissimo contributo alla conoscenza delle specie presenti in Italia. Diversi dati provengono da musei e collezioni private, così come dalla letteratura pubblicata da lepidotterologi amatoriali e professionisti. Il nome del sito vuole essere un omaggio evocativo alle farfalle del genere Papilio, vistose ambasciatrici di bellezza ed eleganza nei nostri ambienti. Lo stemma figura un podalirio (Iphiclides podalirius), una delle farfalle più grandi e vistose della fauna italiana.

Papilionea è la diretta evoluzione di un progetto di divulgazione realizzato sotto forma di blog, dal nome Lepidopteravaria (inizialmente scritto come LepidopteraVaria). Lanciato il 19 aprile 2013 da Alessandro Bisi, il blog era dedicato dapprima ai Lepidotteri dell’Alta Val Trebbia e successivamente alla Liguria intera. L’idea iniziale era quella di mostrare foto e brevi note sulle specie presenti nella regione, con annotazioni personali e chiavi per riconoscere le varie specie. Il blog, realizzato grazie alla piattaforma Blogspot ha subito numerosi cambiamenti nel corso degli anni, sia per quanto riguarda l’organizzazione dei contenuti che nella veste grafica. Il nome voleva essere un riferimento all’ordine dei Lepidotteri (in latino Lepidoptera) e alla parola “varia“, intesa come varietà. Qui di seguito potete visualizzare una selezione di loghi relativi al vecchio blog.

Pubblicazioni

Bisi A. & Lupi M. 2019. Nuovi dati sulla lepidotterofauna italiana (Lepidoptera) – Boll. Soc. Entomol. Ital., 151 (1): 3-5. (link PAGEPress, link ResearchGate)
Carta E. & Bisi A. 2020. Nuove segnalazioni di Gegenes pumilio (Hoffmansegg, 1804) in Liguria e osservazioni generali sulla specie (Lepidoptera, Hesperiidae). – Doriana, suppl. Annali del Museo Civico di Storia Naturale "G. Doria", Genova, IX (411): 1-7. (link ResearchGate)
Gallo E. & Bisi A. 2020. Considerazioni tassonomiche su Coenonympha arcania macromma Turati & Verity, 1911 ed altri taxa ad essa correlati (Lepidoptera, Nymphalidae, Satyrinae) – Annali del Museo Civico di Storia Naturale "G. Doria", Genova, 112: 325-334. (link Aree Protette AM)
Bisi A. & Lupi M. 2021. Catalogo dei Lepidotteri d’Italia: Ropaloceri ed Eteroceri (Insecta: Lepidoptera) – Papilionea, link: https://www.papilionea.it/catalogo/

Disclamer

Uno degli scopi principali del sito web di Papilionea è quello di fornire un valido aiuto all’identificazione delle specie. Tuttavia, durante la consultazione dei contenuti, è bene tener presente i seguenti punti:

  • Il sito è in continua evoluzione e miglioramento, ed attualmente non descrive tutte le specie italiane nelle loro molteplici forme e variazioni.
  • Anche delle specie illustrate potrebbero non essere identificabili solo grazie all’aspetto esteriore. Infatti per alcuni gruppi di specie è necessaria la dissezione delle armature genitali.
  • Tutti gli esemplari pubblicati sono stati identificati correttamente, ma un errore non è da escludere a priori!

Le mappe di distribuzione e il Catalogo presenti in questo sito sono state realizzate grazie a dati provenienti da varie fonti. Se avete domande riguardo ad una mappa o al Catalogo vi prego di contattarmi affinché possiate ricevere dettagli in merito al vostro quesito. Coloro che visitano il sito devono comprendere che i dati di distribuzione a livello di provincia sono più completi per alcune specie rispetto ad altre. L’assenza di una citazione per una particolare specie può significare che essa non si trova lì, che è presente ma non è stata ancora osservata e segnalata oppure, in ultima istanza, che esiste una citazione che non è stata ancora visionata.

Tutte le pagine presenti all’interno di questo sito possono essere condivise liberamente, tramite link, su altri media internet, a patto che sia sempre specificata la paternità della fonte. Tutti i contenuti testuali ed iconografici ivi caricati sono protetti dal diritto d’autore e non è consentita la riproduzione parziale o totale, in qualsiasi forma o con mezzo, senza un esplicito permesso scritto da parte dell’autore. Eventuali contenuti ricaricati su media diversi da Papilionea, modificati o no, saranno opportunamente segnalati. Grazie per la cortese attenzione!