Parnassius apollo
Parnassius apollo (Linnaeus, 1758) Apollo
Classificazione:Papilionoidea › Papilionidae › Parnassiinae › Parnassiini.
Identificazione

Apertura alare:maschi 60-85 mm, femmine 65-95 mm.

Descrizione:
Variabilità:
Specie simili:
Esemplari
Alpi Marittime.
Appennino Ligure (razza emilianus Turati, 1923).
Italia Centrale, Massiccio Sirente-Velino (razza civis Turati, 1932).
Italia Centrale, Majella (razza italicus Oberthür, 1904).
Aspromonte (razza pumilus Stichel, 1906).
Sicilia, Madonie (razza siciliae Oberthür, 1891).
Adulto
Crisalide

Da figurare.

Bruco

Da figurare.

Uovo

Da figurare.

Caratteristiche ecologiche

Periodo di volo:da metà aprile a settembre.
Generazioni:univoltina.
Svernamento:come uovo.

Ciclo vitale:

Abitudini alimentari

Bruco:polifago su piante di borracina (Sedum album, S. annuum, S. rupestre, S. telephium = Hylotelephium telephium e S. villosum), rodiola rosea (Rhodiola rosea) e semprevivo dei tetti (Sempervivum tectorum).

Adulto:nettare di diversi fiori campestri tra cui cardo (Cirsium spp.) e ambretta (Knautia spp).

Distribuzione
Vedi mappa.
Trieste (TS), Friuli-Venezia Giulia Gorizia (GO), Friuli-Venezia Giulia Udine (UD), Friuli-Venezia Giulia Pordenone (PN), Friuli-Venezia Giulia Belluno (BL), Veneto Treviso (TV), Veneto Venezia (VE), Veneto Padova (PD), Veneto Vicenza (VI), Veneto Verona (VR), Veneto Rovigo (RO), Veneto Bolzano (BZ), Trentino-Alto Adige Trento (TN), Trentino-Alto Adige Sondrio (SO), Lombardia Brescia (BS), Lombardia Bergamo (BG), Lombardia Lecco (LC), Lombardia Como (CO), Lombardia Varese (VA), Lombardia Monza e Brianza (MB), Lombardia Milano (MI), Lombardia Pavia (PV), Lombardia Lodi (LO), Lombardia Cremona (CR), Lombardia Mantova (MN), Lombardia Aosta (AO), Valle d'Aosta Verbano-Cusio-Ossola (VB), Piemonte Novara (NO), Piemonte Vercelli (VC), Piemonte Biella (BI), Piemonte Torino (TO), Piemonte Cuneo (CN), Piemonte Asti (AT), Piemonte Alessandria (AL), Piemonte Imperia (IM), Liguria Savona (SV), Liguria Genova (GE), Liguria La Spezia (SP), Liguria Piacenza (PC), Emilia-Romagna Parma (PR), Emilia-Romagna Reggio Emilia (RE), Emilia-Romagna Modena (MO), Emilia-Romagna Bologna (BO), Emilia-Romagna Ferrara (FE), Emilia-Romagna Ravenna (RA), Emilia-Romagna Forlì-Cesena (FC), Emilia-Romagna Rimini (RN), Emilia-Romagna Massa-Carrara (MS), Toscana Lucca (LU), Toscana Pistoia (PT), Toscana Prato (PO), Toscana Firenze (FI), Toscana Arezzo (AR), Toscana Siena (SI), Toscana Pisa (PI), Toscana Livorno (LI), Toscana Grosseto (GR), Toscana Perugia (PG), Umbria Terni (TR), Umbria Pesaro e Urbino (PU), Marche Ancona (AN), Marche Macerata (MC), Marche Fermo (FM), Marche Ascoli Piceno (AP), Marche L'Aquila (AQ), Abruzzo Teramo (TE), Abruzzo Pescara (PE), Abruzzo Chieti (CH), Abruzzo Rieti (RI), Lazio Viterbo (VT), Lazio Roma (RM), Lazio Latina (LT), Lazio Frosinone (FR), Lazio Isernia (IS), Molise Campobasso (CB), Molise Caserta (CE), Campania Benevento (BN), Campania Avellino (AV), Campania Napoli (NA), Campania Salerno (SA), Campania Foggia (FG), Puglia Barletta-Andria-Trani (BT), Puglia Bari (BA), Puglia Taranto (TA), Puglia Brindisi (BR), Puglia Lecce (LE), Puglia Potenza (PZ), Basilicata Matera (MT), Basilicata Cosenza (CS), Calabria Crotone (KR), Calabria Catanzaro (CZ), Calabria Vibo Valentia (VV), Calabria Reggio Calabria (RC), Calabria Messina (ME), Sicilia Palermo (PA), Sicilia Trapani (TP), Sicilia Agrigento (AG), Sicilia Caltanissetta (CL), Sicilia Enna (EN), Sicilia Catania (CT), Sicilia Siracusa (SR), Sicilia Ragusa (RG), Sicilia Sassari (SS), Sardegna Nuoro (NU), Sardegna Oristano (OR), Sardegna Sud Sardegna (SU), Sardegna Cagliari (CA), Sardegna
     Dati precisi
     Assente / No dati
Habitat

Da figurare.

Nomenclatura
Nomi comuni:Apolline (1865), Apollo (1826-2014), Farfalla Apollo (1840-2016), Parnassio (2001), Parnassio apolline (1865). DE: Roter Apollo, EN: Apollo, FR: Apollon.

Sinonimi:

Etimologia:

Tassonomia:questa specie è stata studiata e descritta con un numero impressionante di entità tassonomiche. Dai tempi di Linneo ad oggi infatti l’apollo è stato studiato in ogni suo aspetto, e ad oggi si contano oltre 200 taxa descritti come sottospecie o razze. Molte di queste sono giustificabili soprattutto da un punto di vista commerciale, piuttosto che scientifico. La sistematica moderna non ha ancora analizzato in modo chiaro lo stato filogenetico di tutte le popolazioni di questa bella specie, e a motivo di ciò si tende a non considerare come valida alcuna sottospecie. Seppure sia evidente che dalla Spagna all’Asia Centrale vi è una certa costante morfologica, non è da escludere che future analisi del DNA possano svelare l’esistenza di più entità sottospecifiche. Un importante tentativo di fare ordine nel grande marasma tassonomico di P. apollo si deve a Pierre Capdeville che, nella sua monografia Les Races Geographiques de Parnassius apollo (1978-1980), suddivide la specie in vere e proprie razze geografiche. Secondo la sua suddivisione in Italia troviamo ben cinque razze, ossia quelle del Sudtirolo (1), Alpi della Lombardia e del Ticino (2), Alpi Piemontesi e Liguri (3), Appennini (4) e Sicilia e Calabria (5). Gli esemplari presenti in questa scheda, pur appartenendo tutti alla stessa specie, sono divisi per zona geografica di provenienza e per praticità tra parentesi è citato il riferimento nomenclatoriale.

Conservazione
Status:
Rischi:
Gestione:
Note
L’aspettativa delle femmine è di due settimane, mentre quella dei maschi si aggira intorno alle tre settimane (F. Bink & R. Moenen 2015/phegea.org).
Riferimenti